Ivan Giussani

“Uno dei messaggi che mi piace trasmettere ai miei ragazzi è che la libertà è una forma di disciplina e che se vuoi fare ciò che ti piace devi applicarti molto”

 

polisportiva_ivan giussani.jpg

Conosco da poco la Polisportiva ma la sento come un luogo accogliente dove si respira una buona energia! Sono Ivan Giussani e in Polisportiva insegno Arti Circensi ai bambini. Il mio percorso è iniziato quando avevo 15 anni e per la prima volta ho visto un mio amico che faceva giocoleria con 3 palline. Qualcosa mi è scoccato dentro e ho voluto subito iniziare ad imparare.  

Mi sono formato presso l’Accademia del Circo di Cesenatico, ho frequentato poi diversi corsi di teatro e di clown per poi specializzarmi all’insegnamento attraverso delle scuole di piccolo circo.

La mia passione per le arti circensi e per la giocoleria unita a molta serietà e disciplina nello studio mi hanno portato a scegliere di farlo come professione.  Questo mi ha permesso di avere uno stile di vita molto particolare che oltre a viaggiare respirando l’aria creativa di diversi luoghi mi ha fatto anche conoscere molti artisti con i quali ho condiviso idee, ispirazioni e innovazione.

Tutto questo mio andare un pò fuori dagli schemi convenzionali è sempre però andato a braccetto con un atteggiamento di serietà nel fare le cose con la testa. Infatti è questo uno dei messaggi che più mi piace trasmettere ai miei ragazzi, cioè “che la libertà è una forma di disciplina” e che se vuoi fare ciò che ti piace devi applicarti molto.

In Polisportiva i miei corsi di Arti Circensi sono suddivisi in diverse fasce di età per seguire con rispetto lo sviluppo delle loro capacità cognitive e di attenzione.

Con i bambini dai 3 e i 5 anni mi concentro sul lavoro immaginativo, di percezione del corpo, di percezione dell’oggetto in relazione al corpo e facciamo esercizi di equilibrio sempre attraverso il gioco.

Dai 6 ai 9 anni si lavora un po di più sulla disciplina, facciamo più esercizi di riscaldamento e di coordinazione e iniziamo a fare giocoleria e a provare gli attrezzi.

Dai 9 agli 11 anni, diventa uno spazio ancora più serio perchè chi viene a quell’età è perchè è davvero appassionato. Quindi dopo aver fatto un bel riscaldamento del corpo, si passa agli esercizi di base della giocoleria in gruppo e poi c’è sempre una parte solitaria dove ognuno è libero di sviluppare e praticare ciò che gli piace e con cui ha più attitudine.